Opinioni - Gennaio/Dicembre 2015

Il dialogo necessario per un nuovo modello culturale


LUIGI SBARRA Commissario Nazionale FAI-Cisl

Un nuovo inizio, nel segno di una elaborazione li- bera, aperta, scevra da pregiudizi e tare ideologiche. Riparte da questo mese la pubblicazione del trime- strale della Fai «Opinioni», storico tassello del com- plesso e articolato mosaico culturale della nostra Federazione.
Che ruolo vogliamo svolgere nella delicata tran- sizione che attraversa il Paese? Quale terreno vo- gliamo calcare, e prima ancora costruire, per trasfor- mare i principi della solidarietà e della partecipazio- ne in concrete linee programmatiche? È possibile in- dividuare uno spazio comune di lavoro, un orizzonte riformatore condiviso da tutti gli attori che hanno responsabilità pubbliche?
«Opinioni» torna anche e soprattutto per tenta- re di rispondere a queste domande. Cercherà di far- lo disegnando itinerari diversi all’interno di un grande disegno comune. Darà spazio a un confron- to aperto che coinvolgerà persone impegnate nella società organizzata, nelle istituzioni, in ruoli di re- sponsabilità pubblica. Un dialogo aperto, che rico- nosca e valorizzi le risorse implicite in ogni diversità.
Alla base del nostro progetto, la convinzione che la crisi ci abbia messo di fronte al fallimento di un in- tero modello di sviluppo. Il paradigma basato sul principio hobbesiano dello homo homini lupus, alla base dell’antagonismo secco tra forze sociali, eco- nomiche e politiche, mostra oggi tutti i suoi limiti.
Viviamo l’assoluto bisogno di superare la conflit- tualità, di aprire una stagione di pace e di coopera- zione sia all’interno della società, sia sul piano politico-istituzionale. Dare risposte all’altezza, signi- fica provare a raddrizzare le storture che hanno por- tato agli attuali, spaventosi squilibri sociali.
Ma c’è dell’altro. Solo se sapremo cooperare in- sieme al di là degli steccati riusciremo – come per- sone impegnate nella società, nella politica, nelle istituzioni – a spargere quel “lievito” indispensabile per riscattare valori e spiritualità in una società sem- pre più materialista, arida, secolarizzata.
Tante le difficoltà che hanno allontanato questo obiettivo negli ultimi decenni. Su tutte, un modello culturale dominante che dequalifica l’uguaglianza ed esalta le conseguenze dell’individualismo e dell’uso della forza del più forte sul più debole. Impostazione culturale che identifica il posizionamento sociale e l’integrazione nella comunità con il successo finanziario.
Questo paradigma individualista va rivoluzionato. E al centro di questa rivoluzione deve tornare la per- sona, primo ed essenziale elemento di una comuni- tà coesa e solidale.
«Un pastore che si isola nel suo recinto non è un vero pastore, è un parrucchiere di pecore», diceva padre Jorge Bergoglio nel 2010. Un messaggio sem- plice e potente, con cui il futuro Papa Francesco in- vitava tutta la comunità cristiana «ad uscire dai propri steccati, per andare verso le periferie sociali, geografiche ed esistenziali».
Questo monito si incarna oggi nella testimo- nianza di un Pontefice che fa del dialogo intercultu- rale e della lotta alla povertà i cardini fondamentali del proprio magistero. Un esempio formidabile per tutti, che indica al mondo intero l’esigenza di per- seguire il bene comune attraverso l’abbattimento degli steccati ideologici. Puntando, concretamente, al superamento dei divari sociali al ripensamento di un modello di sviluppo più solidale e attento alle ra- gioni dei più deboli.
È con il massimo dell’umiltà che noi oggi voglia- mo avvicinarci a questo spirito.
Buona lettura.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Opinioni GEN_DIC 2015.pdf)Opinioni GEN_DIC 2015.pdf6933 kB

Fondazione Fai Cisl Studi e Ricerche
Via Tevere 20 - 00198 Roma
Tel +39 06 845691
Fax 06 8412900
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Fondazione Fai Cisl Studi e Ricerche titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa